In attesa del Salvatore, musica e preghiera nel Santuario della Spogliazione ad Assisi

di Pubblicato in Dal Vaticano, Eventi, News

Hai un’anima sola: salvata, tutto è salvato; perduta, tutto è perduto per sempre”: una delle esortazioni più belle di San Giovanni Bosco ci invita a vegliare orientando il nostro cuore sulla via del bene. A pochi giorni dal Santo Natale, canti, musica e momenti di riflessione ci accompagneranno sulla via della Verità, nel Santuario della Spogliazione ad Assisi, in trepidante attesa della nascita di Gesù. Proprio negli stessi luoghi in cui otto secoli fa il giovane Francesco davanti al Vescovo Guido si spogliò di tutto quanto possedeva per donare la sua vita al servizio di Dio e dei fratelli, si rinnova l’invito a spogliare la nostra anima di fronte a Dio, Salvatore del mondo.

In questo nuovo centro pulsante di spiritualità, il Santuario della Spogliazione inaugurato il 20 maggio scorso nell’antica Chiesa di Santa Maria Maggiore annessa al vescovado di Assisi, mercoledì 20 dicembre ci si raccoglierà in un momento intenso di preghiera che culminerà nella mattinata con la recita dell’Angelus presieduta alle ore 12 da Mons. Domenico Sorrentino, vescovo della diocesi di Assisi, Nocera Umbra e Gualdo Tadino. Nel pomeriggio dopo l’adorazione eucaristica, il Santo Rosario meditato e le confessioni per predisporre l’anima dei fedeli all’incontro con Cristo nella povertà evangelica, alle ore 18.15 si potrà assistere alla Santa Messa presieduta da Mons.Luciano Paolucci Bedini, nuovo vescovo di Gubbio e concelebrata da Padre Enzo Maria Iannaccone, parroco emerito di Santa Maria Maggiore.

In serata alle ore 20.30 si proseguirà con “Spogli come a Bethlehem”, il concerto di Natale impreziosito dalle canzoni sulla Spogliazione, introdotto da Fra’ Alessandro Brustenghi,  frate minore e tenore. Accanto a lui si diffonderà potente in musica il messaggio dell’amore di Cristo grazie alle voci di Suor Assunta Radogna, Fra’ Luigi Librera, Suor Lúcia Silva, Marco Mammoli e il gruppo M.O.A.B.

 

 

Autore: Benedetta Grendene

Maturità classica presso il Liceo “Giacomo Leopardi” di Recanati, laurea in “Economia per le arti, la cultura e la comunicazione” presso l’Università “Luigi Bocconi” di Milano, giornalista pubblicista.