Giubileo 2015, per attraversare la Porta Santa servirà una prenotazione

di Pubblicato in Giubileo della Misericordia, News

L’8 dicembre 2015, l’apertura della Porta Santa della basilica di San Pietro segnerà l’inizio ufficiale dell’Anno Santo della Misericordia.

La Porta, che simboleggia il passaggio che ogni cristiano è chiamato a compiere dal peccato alla grazia, rimarrà aperta fino al 20 novembre 2016, data in cui, a conclusione del Giubileo Straordinario della Misericordia, verrà di nuovo murata.

Nelle intenzioni della Prefettura della Casa Pontificia, sarà un Giubileo all’insegna dell’organizzazione e della sicurezza: per la prima volta, infatti, i fedeli che vorranno accedere alla Porta Santa della Basilica Papale, attraverso il pellegrinaggio organizzato dal “Centro di Accoglienze Pellegrini” dovranno registrarsi anticipatamente, comunicando data e ora della loro visita. Riceveranno, così, un accredito con il quale sarà possibile accedere ai controlli personali di sicurezza e quindi alla Porta Santa.

“Papa Francesco desidera che il pellegrinaggio sia un’esperienza di fede e preghiera – spiega monsignor Liberio Andreatta, vice presidente dell’Opera romana pellegrinaggi – Per agevolare questo ed evitare un flusso disordinato di pellegrini ci sarà un biglietto per il passaggio alla Porta Santa”.

“Ci si prenota online sul sito del Giubileo, specificando giorno e ora. – spiega Andreatta – Questo permetterà un flusso continuo e ordinato di pellegrini. Chi non può online potrà fare la prenotazione presso l’Ufficio di Castel Sant’Angelo e i punti di accoglienza dell’Opera romana pellegrinaggi. Una volta registrati si presenterà il biglietto all’accesso in via della Conciliazione. Lungo il percorso ci saranno i controlli della sicurezza. Saranno fatti in maniera molto soft senza creare code o intoppi”.

Ci si potrà, quindi, prenotare online tramite la sezione “registrazione pellegrini” (attiva dal mese di ottobre) del sito ufficiale del Giubileo della Misericordia www.im.va
Il Pontificio Consiglio per la nuova Evangelizzazione «renderà pubblico appena possibile quando si potrà cominciare a registrarsi».

La prenotazione sarà obbligatoria sia per i singoli pellegrini sia per i gruppi: per quest’ultimi e per i nuclei familiari è consigliabile effettuare un’unica registrazione in modo da assicurarsi di compiere il passaggio insieme e nello stesso orario.

Centro Accoglienza Pellegrini
In via della Conciliazione n.7 aprirà a breve il “Centro di Accoglienza Pellegrini” dove presteranno servizio i volontari che forniranno ai fedeli informazioni e consigli sul momento più favorevole per l’accesso alla Porta Santa. Il Centro sarà, anche, l’unico luogo in cui i pellegrini, che non si sono preventivamente registrati, potranno ricevere un accredito in giornata.

Per arrivare alla Porta Santa della Basilica di San Pietro il pellegrino dovrà dunque superare due «varchi»: il primo virtuale, nel quale ogni fedele intenzionato a raggiungere la Porta Santa dovrà registrarsi, e il secondo, quello fisico/di controllo, in via della Conciliazione (all’altezza di via della Traspontina).

Percorso
I pellegrini percorreranno un cammino riservato e transennato che, partendo da Castel Sant’Angelo, si snoderà attraverso via della Conciliazione, piazza Pio XII e piazza San Pietro fino ad arrivare alla Porta Santa.
La minuziosa organizzazione di questo Giubileo impone, a tutti i fedeli che vorranno prenderne parte, di portare con sé un documento d’identità valido per evitare la preclusione dell’accesso ai luoghi di culto. Questo “obbligo”, che ha poco a che vedere con la spiritualità e la fede, è reso necessario da motivi di sicurezza e dalla prevenzione del rischio attentati.

Per quanto riguarda, invece, l’apertura delle Porte Sante delle altre Basiliche Papali di Roma, San Giovanni in Laterano, Santa Maria Maggiore e San Paolo Fuori le Mura, avverrà successivamente ed il passaggio non sarà soggetto a prenotazione.

Qui trovate le schede delle strutture che potete contattare direttamente per organizzare al meglio il vostro soggiorno a Roma e nella provincia

Autore: Redazione