San Romano di Condat eremita come i Padri del deserto

di Pubblicato in News, Ricorrenze Religiose

San Romano nacque nel 390 a Izernore. Ricevette un’ottima educazione a Saint Sabino nel monastero di Ainay a Lione. All’età di 35 anni decise di lasciare la sua famiglia per diventare eremita nei pressi del Haut-Jura.

San Romano, per primo, decise di isolarsi recandosi  nelle foreste Giura. La sua fama di monaco eramita spinse il vescovo Ilario di Besancon, ad ordinarlo sacerdote.

San Romano di Condat  appartiene a quei santi monaci più osservanti che produssero frutti di perfezione spirituale, da cui diede vita alla famosa abbazia di Condat, che  in breve tempo si riempì di monaci venuti da ogni parte della Francia e non solo.

La massiccia presenza di monaci diede vita ad un secondo monastero, questa volta a Leucone e di seguito un terzo monastero che prese il suo nome:  Saint Romain de la Roche.

Romano condivise la missione pastorale di questi monasteri con il fratello Lupicino, più severo e fermo di lui che invece era più accomodante nella pastorale.

Entrambe i fratelli avevano una forte devozione che li spingeva continuamente verso l’insegnamento dell’ordine monastico di altri discepoli e verso assidui pellegrinaggi verso santuari  e luoghi di fede.

In uno dei numerosi pellegrinaggi a piedi, per portare la loro preghiera sulla tomba di San Maurizio, lungo il cammino si fermarono nella regione di Ginevra, per passare la notte in un umile ricovero. Dopo pochi istanti entrarono due lebbrosi che vivevano in quel rifugio di fortuna che era la loro dimora. I quattro, dopo un’esitazione iniziale, si abbracciarono fraternamente come fratelli in Cristo e i due pellegrini vi trascorsero la notte.

Il giorno seguente i lebbrosi si accorsero con meraviglia di essere stati mondati dal loro male,  da questa miracolosa guarigione nella città di Ginevra non si fece altro che parlare dei due pellegrini a cui venero dati grandi onori.

Romano di ritorno da Condat morì nel 460.

L’emblema di San Romano è il Bastone pastorale.

Autore: Franco Collodet

Sociologo e scrittore, studi specialistici in gestione delle politiche sociali. Studi specialistici in Scienze Storico-Antropologiche delle Religioni, professore presso l’Istituto Volterra-Elia di Ancona. Master presso la Scuola Superiore di Filosofia Orientale e Comparativa di Rimini. Esperto dei cammini religiosi in Europa e in Medio Oriente.