Santuario Madonna dei Lumi

Il Santuario di Santa Maria dei Lumi fu costruito dall'Istituto religioso dell'Ordine dei frati minori. 



L’intera struttura sorge su un antico sito dove vi era collocata una azienda agricola appartenente alla vicina Abbazia di Montesanto che fu abbandonata dai monaci benedetti per essere ceduta alla comunità dei padri francescani.



Dopo la costruzione degli edifici, nel 1471 la comunità dei minori osservanti si stanziò nel monastero esercitando una intesa vita spirituale, grazie al sacerdote Giacomo delle Marca che molto probabilmente commissionò la realizzazione della statua della Madonna dei Lumi.



Per molti secoli questo santuario fu molto legato alla storia e alla vicende storiche e belliche della cittadina di Civitella poiché per la sua posizione strategica e dominante fu spesso usato come fortezza, coinvolto in numerosi assedi o come sede dei comandi d’attacco.



L’intero complesso, composto dalla chiesa, da una casa monastica e dal chiostro, presenta edifici antichi sottoposti a parecchi interventi di restauro in modo tale che la costruzione originaria sia poco visibile.



La facciata della Chiesa è di stile romanico mentre all’interno mostra quello rinascimentale composto da una navata minore che riprende in parte la chiesa appartenuta ai benedettini mentre la maggiore termine con l’abside e con l’altare, la cui nicchia conserva la statua della Madonna dei Lumi.



Questa realizzazione rinascimentale in legno raffigura il soggetto della Madonna con il Bambino, detta appunto Madonna dei Lumi.



Il chiostro del convento è collocato nel lato destro della chiesa con una forma quadrangolare, costruito in pietra con archi a tutto sesto e con un pozzo al centro.



Foto Immagine Wikipedia 


Non sono ancora state pubblicate delle testimonianze su questo sanuario.

Puoi essere il primo a raccontare le tue esperienze in questo luogo.

Scrivici la tua testimonianza

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla Privacy di Vaticano.com e acconsento al trattamento dei miei dati ai sensi della legge 196/03 e successive.


Mappa