Santuario di San Camillo de Lellis

Nella Chiesa di San Camillo sono conservate alcune reliquie del Santo, patrono universale dei malati e degli ospedali per questo rappresenta uno dei monumenti più visitati in Abruzzo.



Con la morte del Santo avvenuta nel 1617 iniziarono i lavori per edificare la chiesa che finirono circa 40 anni più tardi a causa di mancanza di fondi.



Questo edificio religioso posto sull'omonima piazza di Bucchianico rappresenta una delle prime realizzazioni in Italia dello stile barocco abruzzese.



Sull'altare maggiore emerge in tutta la sua bellezza il busto di San Camillo, realizzato da artista anonimo e presente nella città sin dal 1655.



L’ aspetto settecentesco della facciata è molto regolare in stile neoclassico, composto da cornici marcapiano.



La navata unica costituisce l'interno della chiesa con una pianta a base rettangolare e un particolare campanile, ovvero una piccola torre con cuspide e lati ondulati.



Tre pale compongono l'altare in legno, quella centrale raffigura San Camillo in trionfo benedicente mentre una quarta posta superiore mostra il Santo nelle vesti di Vescovo che piange la deposizione di Cristo.



Nella sacrestia sono presenti gli affreschi risalenti al 1690 che raccontano la vita di San Camillo suddivisi in diversi cicli: Madonna della Salute, San Filippo Neri (amico e guida spirituale) Storie della vita del Santo, San Carlo Borromeo e Santa Caterina da Siena.



La reliquia del cuore del santo viene conservata nella cripta, insieme alla Fiaccola della carità posta ivi due anni dopo da Papa Giovanni XXIII.



La facciata della chiesa si collega con la casa natale del Santo (Palazzo della famiglia De Lellis) realizzata con una struttura rettangolare a due piani dove  sono state costruite sia la cappellina che il museo Del Capitano Giovanni De Lellis per onorare proprio San Camillo


Non sono ancora state pubblicate delle testimonianze su questo sanuario.

Puoi essere il primo a raccontare le tue esperienze in questo luogo.

Scrivici la tua testimonianza

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla Privacy di Vaticano.com e acconsento al trattamento dei miei dati ai sensi della legge 196/03 e successive.


Mappa