Santuario Beata Vergine Addolorata

LA STORIA
Il Santuario, posto su uno dei declivi boscosi della Val San Martino, risale al 1683, ed è sotto la giurisdizione dei Monaci Benedettini dell'Abbazia di Pontida, fondata da sant'Alberto da Prezzate nel 1076.Subito si diffonde la devozione alla Madonna dell'Addolorata, e il Venerdì di Passione del 1735 si parla per la prima volta di una festa all'oratorio di Calderizzi. Nel 1737 ci fu il primo ampliamento con l'erezione dell'altare dedicato a S.Antonio di Padova, alla Madonna del Carmine e a S.Bernardino da Siena.Nel 1876, l'intervento materno della Madonna, in seguito a un voto fatto da tutta la popolazione, stroncava una misteriosa malattia che colpiva tutte le gestanti e le partorienti.
Da allora non è mai venuta meno la processione votiva annuale al Santuario di Caderizzi, soprattutto da parte delle spose e delle mamme, nel Venerdì della prima settimana di Passione.Al primo ampliamento del 1737, ne seguì uno straordinario dopo la prima guerra mondiale e nel 1919 l'abate Schuster pose la prima pietra.Nel 1954 ci fu un ulteriore rinnovamento accompagnato da opere di abbellimento.

Non sono ancora state pubblicate delle testimonianze su questo sanuario.

Puoi essere il primo a raccontare le tue esperienze in questo luogo.

Scrivici la tua testimonianza

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla Privacy di Vaticano.com e acconsento al trattamento dei miei dati ai sensi della legge 196/03 e successive.


Mappa