Santuario Diocesano dell'Addolorata

Storia:



Il Duomo di Bisceglie (Chiesa di San Pietro apostolo), solo di recente (1975) è divenuto Santuario Mariano dedicato alla Madonna Addolorata, la struttura funge da Concattedrale dell’Arcidiocesi di Trani-Barletta-Bisceglie).



Santuario:



Fondato nella 1073 dal Conte di Trani Pietro II, come si può capire dall’iscrizione sul fondo dell’arco trionfale della Chiesa, e terminato nel 1295. Venne consacrata dal Vescovo Leone. Tra il 1100 e il 1295, vennero fatte molte modifiche, lo stile è romanico-pugliese (la parte romanica, deriva da dogmi dell’architettura provenienti dal nord Europa, mentre lo stile pugliese si rifà all’arte bizantina e araba), nei rifacimenti successivi, la Chiesa venne rovinata dall’inserimento di elementi in stile barocco tardo settecenteschi, fortunatamente l’ultimo restauro, ha riportato l’edificio allo splendore iniziale.



Anche la Cripta non fu esente da modifiche, a partire dalla seconda metà del 15esimo secolo, con la costruzione di altari, per ospitare le tombe delle famiglie cittadine facoltose. Contemporaneamente, vennero anche cancellati gli affreschi di parete e colonne, ormai già gravemente danneggiati dal tempo.



Nel Seicento vennero costruite le Cappelle di San Biagio (oggi conosciuta come Cappella di San Cristoforo) e la Cappella del Santissimo Sacramento, vennero inoltre rifatti altare maggiore e battistero.



Tra la seconda metà del Settecento e gli inizi dell’Ottocento, gli interni della struttura vennero completamente trasformati secondo i canoni di stile Barocco.



Il Coro in noce massiccio, proveniente dalla Badia di Santa Maria dei Miracoli di Andria, è posto ai lati del presbiterio e raffigura la storia dell’Ordine Benedettino dalle sue origini sino alla fine del Medioevo.



All’interno è possibile ammirare il dipinto di Girolamo Palumbo raffigurante L’Ultima Cena, un pannello di noce intagliato ritraente San Benedetto risalente al 17esimo secolo, un tempo erano ospitati all’interno della Chiesa anche delle tele di Nicola Porta, risalenti al 18esimo secolo e rappresentanti L’Adorazione dei Magi, L’Invenzione della Croce e La Trinità e i Santi. Non sono presenti solo dipinti, ma anche statue lignee di Nicola Antonio Brudaglio, scultore di Andria, la più importante è quella che rappresenta Maria Addolorata. La Chiesa possiede anche un evangelario miniato risalente all’11esimo secolo, solo due esemplari sono presenti in Puglia, l’altro è a Bitonto.



Successivamente alla proclamazione della Cattedrale a Santuario Mariano, Papa Giovanni Paolo II elevò la Chiesa a Basilica Minore.



 



Fonti Immagini:



Geppi Simone e Tango7174 da commons.wikimedia.org



 


Non sono ancora state pubblicate delle testimonianze su questo sanuario.

Puoi essere il primo a raccontare le tue esperienze in questo luogo.

Scrivici la tua testimonianza

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla Privacy di Vaticano.com e acconsento al trattamento dei miei dati ai sensi della legge 196/03 e successive.


Mappa