Basilica Santuario Madre di Dio Incoronata

Storia:



Situato a Borgo Incoronata (frazione di Foggia), dove viene venerata l’effige di una Madonna Nera la “Beata Maria Vergine Incoronata”.



Si narra che nell’ultimo sabato di aprile dell’anno 1001, la Vergine apparve al Conte di Ariano Irpino mentre stava sognando una battuta di caccia e a un pastore. La Madonna disse al Conte che sullo stesso albero dove era apparsa, troverà una statua e di collocare quest’ultima in una costruzione in suo onore.



Santuario:



Inizialmente, venne costruita una piccola Cappella affidata ad un anacoreta, in seguito i Basiliani si occuparono di ingrandire la Chiesa e costruire una casa per i viandanti. Nel 1230 i Monaci Cistercensi divennero i custodi del Santuario, fino al completamento dei lavori nel 1500.



Diventato poi commenda cardinalizia, nel 19esimo secolo, è stato vittima dell’occupazione Napoleonica, che ne causò il decadimento.



Nel 1950 iniziarono i lavori del nuovo Santuario dell’Incoronato, su idea dell’Architetto romano Luigi Vagnetti, per le forme, ha colto ispirazione dalle abitazioni storiche della zona, come il trullo e la capanna. I lavori terminarono nel 1965, e dopo 13 anni (1978), Papa Paolo VI, elevò il Santuario a Basilica Minore.



Al suo interno è impossibile non restare colpiti dalla monumentale corona in bronzo che scende dalla cupola e sorretta da 8 tiranti. Sopra l’ingresso è posto un enorme organo di 2000 canne, opera del Maestro Alessandro Girotto.



Curiosità:



Durante la “festa dell’apparizione” (ogni ultimo sabato di aprile) l’olio che ravviva la fiamma della lampada è donato dai comuni che sono devoti alla Sacra Immagine, stesso discorso vale per la veste che indossa la statua per l’anno successivo.



 



Si ringraziano i Reverendissimi Padri del Santuario per la concessione dell'utilizzo delle immagini.



 


Non sono ancora state pubblicate delle testimonianze su questo sanuario.

Puoi essere il primo a raccontare le tue esperienze in questo luogo.

Scrivici la tua testimonianza

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla Privacy di Vaticano.com e acconsento al trattamento dei miei dati ai sensi della legge 196/03 e successive.


Mappa