Santuario Madonna dello Scoglio

Storia:



La storia di questo Santuario, è legata a doppio filo con quella di Fratel Cosimo, infatti, l’uomo ha più volte ricevuto la visita della Santissima Vergine, la prima volta fu nel maggio del 1968, poco dopo l’imbrunire, mentre Cosimo Fragomeni era intento nel portare agli animali del fieno. In quell’occasione la Madonna gli Chiese di costruire sul luogo della sua apparizione una Cappella, per permettere alle genti di pregare.



Santuario:



Altre apparizioni si susseguirono, insieme ad eventi miracolosi, dopo la costruzione della Cappella, Fratel Cosimo chiese ad un pittore di Caulonia di nome Ilario Tarsitani, di dipingere un’immagine della Madonna, secondo la sua visione. Si narra che il pittore tento più volte di dipingere il collo, ma la mano si bloccava.



Come le volte precedenti, Cosimo si presento a casa del pittore per vedere l’avanzamento dei lavori, l’uomo questa volta in lacrime lo afferrò per il braccio e spiegò che l’immagine si era miracolosamente completata da sola, disse pertanto a Cosimo che voleva fare qualche perfezionamento, ma venne interrotto da quest’ultimo dicendo di lasciarla così come si trovava.



In seguito Fratel Cosimo ebbe un’altra visione, da un punto del terreno sgorgava dell’acqua miracolosa, ebbene nell’Ottobre del 2001 durante la Messa, sentì lo scroscio di acqua come quella di una cascata, anche una donna tra i fedeli ne udì il rumore. I lavori di scavo continuarono per un po’ quando gli operai esclamarono di aver trovato l’acqua, i fedeli giunsero da ogni dove e anche Fratel Cosimo si recò, bevendo l’acqua ancora torbida, facendo come i pellegrini nella sua visione.



Curiosità:



Cosimo divenne terziaro francescano il 17 gennaio 1987 e per circa 10 anni di fila ha ricevuto le visite della Vergine, lui si è sempre appuntato le sue parole e si premurò di consegnarle al parroco, purtroppo dopo la morte di quest’ultimo, la maggior parte dei fogli non venne ritrovata.



 



Fonti Immagini: 



Luigi Antonio Spanò da commons.wikimedia.org


Non sono ancora state pubblicate delle testimonianze su questo sanuario.

Puoi essere il primo a raccontare le tue esperienze in questo luogo.

Scrivici la tua testimonianza

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla Privacy di Vaticano.com e acconsento al trattamento dei miei dati ai sensi della legge 196/03 e successive.


Mappa