Santuario della Madonna della Misericordia di Valmala

Storia:



La tradizione narra che nell’agosto del 1834 alcuni pastorelli erano intenti nel condurre alcune mandrie di animali al pascolo, nella zona chiamata “il Chiotto”, luogo dove oggi è posto il Santuario.



Davanti ai pastorelli apparve sopra una lastra di pietra, una Donna di circa 20 anni, con un aspetto solenne, vestita con un lungo abito legato ai fianchi e in capo un lungo velo azzurro. La Signora appariva sempre nella medesima posa, cioè a mani aperte.



La prima apparizione avvenne il 5 agosto di fronte a 4 pastorelle tutte di nome Maria: Maria Pittavino (12 anni), Maria Margherita Pittavino (12 anni), Maria Chiotti (12 anni) e Maria Boschero (10 anni), si narra anche che fosse presente il fratello di Maria Margherita, Chiaffredo Pittavino (8 anni). Le apparizioni continuarono per circa 50 giorni.



Nel 1851 venne ordinata la costruzione del Santuario su progetto dell’Architetto Galfrè, l’Edificio include anche il primo pilone costruito l’anno successivo alla prima apparizione ad opera dell’artista Gautieri.



Il Santuario è dedicato a Maria Madre della Misericordia, in quanto nel 1834, venne individuato un piccolo quadro rappresentante la Madonna della Misericordia di Savona. La Donna ritratta in quel dipinto venne indicata dalle quattro pastorelle come la Signora da loro vista.


Non sono ancora state pubblicate delle testimonianze su questo sanuario.

Puoi essere il primo a raccontare le tue esperienze in questo luogo.

Scrivici la tua testimonianza

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla Privacy di Vaticano.com e acconsento al trattamento dei miei dati ai sensi della legge 196/03 e successive.


Mappa