Il Santuario del Volto Santo - Reggio Calabria

La storia del Santuario del Volto Santo è recente e legata alla figura di San Gaetano Catanoso. Nato nel 1879, Gaetano ebbe fin da bambino una forte vocazione, che lo portò ad entrare nel Seminario Arcivescovile di Reggio a soli dieci anni. Ordinato sacerdote a 23 anni, fu ispirato dal Volto Santo di Gesù (che definiva sua forza e guida) e iniziò fin da subito la sua opera per contrastare ignoranza religiosa, povertà, analfabetismo, tra i più grandi mali che affliggevano le genti di quel tempo. Aprì scuole serali per insegnare ai giovani, compì opere di filantropia e collaboro con altri parroci per creare una solida rete di carità cristiana. Nel 1934 diede ufficialmente vita alla Congregazione delle Suore Veroniche del Volto Santo, un gruppo di religiose devote al Volto di Gesù e portate al conforto dei bisognosi. Durante la guerra si adoperò per aiutare e proteggere i bambini rimasti orfani. Negli anni successivi alla guerra, continuò le sue opere, e poco prima della sua morte (aprile del 1963) vide l'inizio della costruzione che sperava di realizzare da tempo: una chiesa votata al Volto Santo. Se in genere con "Volto Santo" ci si riferisce al culto della Sacra Effige di Cristo impressa nel c.d. "Velo della Veronica" posto nella Basilica di San Pietro a Roma, nel Santuario del Volto Santo di Reggio Calabria, si fa invece riferimento alla perpetua venerazione di Gesù Cristo.

I lavori si conclusero nel 1972, sempre seguendo i progetti della scuola d'arte "Beato Angelico" (Milano) e dell'architetto Mons. Valerio Vigorelli a cui erano stato commissionato il lavoro. Il Santuario fu costruito dove prima si trovava una piccola cappella, dedicata proprio al Volto Santo. La chiesa divenne ufficialmente un santuario nel 1988, e al suo fianco si trova ancora oggi la casa delle Suore Veroniche del Santo Volto. All'interno del santuario "grande e bello" (come lo desiderava e definiva San Gaetano Catanoso) troviamo un mosaico di Cristo in croce, con ai piedi la Veronica che mostra il velo con il volto di Gesù impresso. Si tratta di un'opera del 1982, che viene esposta in modo continuativo dopo ogni messa quotidiana e mattutina, per permettere ai fedeli di ammirare Gesù in Eucarestia, come voleva San Gaetano Catanoso. 



Riportiamo gli orari delle varie celebrazioni

Santa Messa

Feriale - ore 7.30

Prefestiva - ore 17.00

Festiva - ore 9.30

Adorazione Eucaristica

Tutti i giorni, dopo la Santa Messa del mattino.

Giovedì - ore 17.00

Liturgia delle Ore

Da Lunedì a Venerdì - ore 7.00 

Sabato - ore 7.30 

Domenica - ore 8.30

Vespri e Santo Rosario

Tutti i giorni - ore 18.00 


Non sono ancora state pubblicate delle testimonianze su questo sanuario.

Puoi essere il primo a raccontare le tue esperienze in questo luogo.

Scrivici la tua testimonianza

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla Privacy di Vaticano.com e acconsento al trattamento dei miei dati ai sensi della legge 196/03 e successive.


Mappa