Santuario Monastero delle Carmelitane Scalze - Parma

Ordine del Santuario: Carmelitane Scalze.

Storia: Il Santuario Monastero delle Carmelitane scalze fu fondato nel 1635. Il Carmelo di Parma si caratterizzò per le sue figlie, tra le quali spicca per santità la principessa Caterina Farnese, in religione suor Teresa Margherita dell'Incarnazione, figlia del duca di Parma e Piacenza Odoardo e di sua moglie Margherita de' Medici. Nel 1662 divenne monaca carmelitana. Nei secoli che seguirono nonostante le numerose guerre, le pestilenze, le epidemie e persino gli annullamenti, le monache guidate da una fede incrollabile riuscirono sempre a tutelare la vita della comunità.

Nel primo novecento il Carmelo di Parma si distinse per una guarigione miracolosa ricevuta pregando ininterrottamente davanti all’immagine di Teresa di Gesù Bambino, esposto nella chiesa del monastero.

Nei primi anni ’20, Gabriella Trimusi, una giovane suora appartenente alle Piccole Figlie dei Sacri Cuori di Gesù e Maria da anni era affetta da una forma tubercolare che le causava dolori acutissimi, febbri costanti e una progressiva incapacità motoria. La medicina riteneva il caso disperato e tutto sembrava irrisolvibile fino a quando il 24 giugno 1923, Suor Gabriella si recò nella chiesetta del Carmelo e pregò davanti al quadro, senza fermarsi anche quando i suoi dolori aumentavano. Rientrando nella sua cella, sentì l'illuminazione di togliersi il busto rigido senza il quale le era impossibile sorreggersi, non avvertì alcun dolore e fu così che se ne liberò completamente e guarì istantaneamente, inspiegabilmente e permanentemente. Tale miracolo accelerò la spinta verso la canonizzazione della Santa.

Altre protezioni ne seguirono in seguito all’intercessione di Santa Teresina. Nel 1957 risale la costruzione dell’edificio che conosciamo oggi, che fu terra natale della comunità parrocchiale.

Negli anni Settanta la chiesa si trasferì nella nuova chiesa, a quel tempo in costruzione. Luogo principale del monastero è il trecentesco affresco di Santa Maria Bianca, una stupenda immagine venerata nella chiesa.

Santo del Santuario: Beata Vergine Maria del Monte Carmelo.

Da vedere: la chiesa aperta ai fedeli riserva dei veri e propri gioielli storici ed artistici: lì affresco di Santa Maria Bianca, l’antico altare di Santa Teresina, il preziose presbiterio rinnovato senza trascurare le vetrate raffiguranti i santi carmelitani.

Esperienze spirituali: Si possono prenotare dei colloqui con le monache e di partecipare alla liturgia al di la della grata.

Festività significative: 16 Luglio Beata vergine Maria del Monte Carmelo; 1 ottobre santa Teresa di Gesù bambino; 15 ottobre Santa Teresa d’Avila; 14 dicembre San Giovanni della Croce; 4 gennaio santa Maria Bianca.

Libro consigliato: Jacques P. “ La via della fiducia e dell’amore”, ed. San Paolo, Cinisello Balsamo (MI) 2012.

Curiosità: Il nome di Carmelitane scalze deriva dal fatto che nel XVI secolo, Santa Teresa rinnovò l’Ordine, i frati e le monache che aderirono alla riforma furono chiamati scalzi proprio per la loro povertà.

Orari Messa e ufficio: Feriali 7.30, festivi ore 7.30, 17.00.

 

Non sono ancora state pubblicate delle testimonianze su questo sanuario.

Puoi essere il primo a raccontare le tue esperienze in questo luogo.

Scrivici la tua testimonianza

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla Privacy di Vaticano.com e acconsento al trattamento dei miei dati ai sensi della legge 196/03 e successive.


Mappa