Santuario di San Francesco da Paola

Ordine del Santuario: Frati Minimi

Storia: Il Santuario fu fondato nel XV secolo dall’eremita San Francesco di Paola nato a Paola il 27 marzo 1416 e morto a Tours (Francia) il 2 aprile 1507.

Francesco da giovanissimo iniziò una vita da eremita nel luogo dove oggi sorge il Santuario. L’accorrere di numerose persone all’eremo, attratte dalla fama di santità di questo luogo, spinsero Francesco a costruire una chiesetta con annesso convento.

L’idea iniziale era quella di edificare una piccola chiesa come luogo di preghiera per gli eremiti e per i fedeli che vi giungevano.

Secondo la leggenda quando San Francesco di Paola stava per iniziare la costruzione della chiesetta ebbe l’apparizione di San Francesco D’Assisi per tracciare un progetto di chiesa più ampio.

La costruzione si sviluppa sulle due sponde del torrente Isca unite da un ponte sul quale sorgono le abitazioni dei frati.

Nel luglio del 1555 la chiesa e gli edifici annessi furono devastati dai Turchi.Nel corso dello stesso secolo annessa alla chiesa venne costruita una cappella dedicata al Santo, che racchiude alcune reliquie. Nel 1935 si aggiunsero alle reliquie i pochi frammenti di ossa scampati al rogo che gli Ugonotti fecero ai resti mortali di Francesco.

Il Santuario venne elevato a Basilica Minore nel 1921 e dal 1936 è di proprietà dell’Ordine dei Frati Minori.

La facciata posta al centro del Santuario è un imponente costruzione degli inizi del ‘600 tutta in pietra locale, composta da due ordini architettonici: dorico nel piano inferiore e corinzio in quello superiore. Nella parte più alta della facciata troneggia la statua del Santo di Paola, lo stemma dell’ordine da lui fondato e una croce.A destra e sinistra si estendono i due bracci del Convento.

Il portale è di tipo gotico formato da colonne poggianti su basi sagomate e sormontate da eleganti capitelli. Sulla lunetta del portale è presente un affresco rappresentante la Madonna con ai lati San Francesco di Paola e San Francesco di Assisi.

L’interno è a due navate, nel presbiterio è presente un affresco raffigurante la Madonna degli Angeli a cui è dedicata la chiesa dalla seconda metà del XV secolo.

In fondo alla navata c’è la cappella del Santo sormontata da una cupola rivestita in marmi di Calabria verdi e neri, l’urna è sotto l’altare.

In una nicchia incorniciata da marmi e chiusa da un vetro di cristallo sono conservate le reliquie del Santo, davanti le quali si trova la Lampada del Voto, finemente lavorata in argento.
Il Coro dei Frati risale alla metà del ‘600, le pareti sono completamente rivestite in noce.

La Biblioteca, sorta nei primi anni del XVI secolo è formata da un grande ambiente quadrato, le pareti sono completamente occupate da un artistica scaffalatura in legno di noce intagliato e dorato. Vi si conservano incunaboli, cinquecentine, libri antichi e manoscritti a partire dal XV secolo.

Santo del Santuario: San Francesco di Paola

Da vedere: Nicchia delle reliquie, sulla quale si legge: “Hic asservantur reliquiae quae supersunt e corpore et exuviis” (qui si conservano le reliquie di ciò che resta del corpo e degli affetti di San Francesco di Paola). Vi si custodiscono le ossa del Santo, il mantello usato per attraversare lo stretto di Messina, il cappuccio, la tunica, il dente, le calze, i sandali, la corona del rosario e una copia autentica dei processi Beatificazione e Canonizzazione del Santo.

Esperienze spirituali: Visitando il Santuario ci si può raccogliere in preghiera avanti l’urna di San Francesco di Paola.

Festività significative: 20 gennaio Madonna del Miracolo patrona dell’ordine dei Minimi, 7 febbraio festa patronale per il terremoto del 1854, 2 aprile festa di San Francesco patrono della Calabria.

Libro consigliato: Ti racconto la storia di un ragazzo come te Itinerario Vocazionale di San Francesco di Paola - Edizioni del Santuario di Paola – 2012

Curiosità: Il 27 marzo 1943 San Francesco di Paola venne proclamato da Pio XII patrono della gente di mare italiana in seguito al miracolo avvenuto sullo stretto di Messina:
il Santo attraversò lo stretto su di un mantello, tutt’ora conservato nella cappella delle reliquie.

Il 3 Agosto 1943 San Francesco di Paola salvò la città da un bombardamento.

Orario Santuario: Aprile – Giugno 6.30 – 19.00 Luglio – Agosto 6.30 – 20.00 Settembre – Ottobre 6.30 – 19.00 Novembre – Marzo 6.30 – 19.00

Orari Messa e ufficio: Feriale: novembre-marzo 7.00 - 9.00 - 11.00 - 17.00 aprile-ottobre 7.00 - 9.00 – 11.00 - 18.00 (luglio e agosto 19.00) Festivo: novembre – marzo 7.00 - 8.30 - 10.00 - 11.30 - 17.00 aprile – ottobre 7.00 - 8.30 - 10.00 - 11.30 - 18.00 (luglio e agosto: 18.00 e 19.30)

Non sono ancora state pubblicate delle testimonianze su questo sanuario.

Puoi essere il primo a raccontare le tue esperienze in questo luogo.

Scrivici la tua testimonianza

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla Privacy di Vaticano.com e acconsento al trattamento dei miei dati ai sensi della legge 196/03 e successive.


Mappa