Santuario Santa Maria Dei Miracoli

La storia
La Sacra Immagine della Madonna con Bambino, raffigurata sul muro di una casa vicino alla chiesa dei Santi Nazario e Celso, fu per molto tempo meta di numerosi fedeli perché considerata miracolosa.
Grazie al notevole afflusso di pellegrini, tra il 1488 e il 1493 venne realizzato il Santuario di Santa Maria dei Miracoli, segno tangibile della scultura lombarda del Rinascimento.Il Santuario
L'edificio sacro, realizzato con marmo di Botticino, è caratterizzato da un'elegante facciata di chiaro stile rinascimentale, arricchita da raffinati bassorilievi che rappresentano il Battesimo di Cristo e l'Adorazione dei Pastori.
All'esterno, inoltre, possiamo ammirare le magnifiche decorazioni nei pilastri, nelle colonne, nei sottarchi, nei cornicioni e nei tamburi della cupola, ossia le quattro lesene con croci, candelabri, lance, coppe, uccelli, serpenti, spighe, frutta, fiori e un leone rampante dello stemma cittadino su di uno scudo.
Il Santuario, con pianta a croce latina, è formato da tre navate con quattro cupole, dove due di queste sovrastano l'area centrale e l'absidiola pentagonale.
Al suo interno si può osservare l'affresco miracoloso, ornato da una cornice marmorea barocca, che si trova sull'altare maggiore. Gli altri affreschi che abbellivano il Santuario vennero purtroppo distrutti durante i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale.
Nell'abside, opere molto interessanti sono il frutto del lavoro di sedici scultori che realizzarono le decorazioni interne ed esterne come, per esempio, i Dodici Apostoli e tre dei quattro Dottori della prima cupola, del 1489.
Molto interessante un ciclo pittorico cinquecentesco che ritrae l'Assunzione, la Purificazione, Annunciazione e la Natività.

Non sono ancora state pubblicate delle testimonianze su questo sanuario.

Puoi essere il primo a raccontare le tue esperienze in questo luogo.

Scrivici la tua testimonianza

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla Privacy di Vaticano.com e acconsento al trattamento dei miei dati ai sensi della legge 196/03 e successive.


Mappa