Santuario di Maria Ss. Addolorata

La storia
Il santuario di "Maria SS. Addolorata" è la prima chiesa che si incontra entrando dalla Porta Garibaldi (Porta di Mare), una delle quattro antiche porte delle città di Marsala.E' la più frequentata dai marsalesi, anche se è piccola, è meta di continui pellegrinaggi.
La storia di questa Chiesa ha qualcosa di miracoloso. Presso l'arco di Porta di Mare era posta una cappellina con una statua dedicata alla Madonna di Concenzione. Qui molti fedeli si recavano per pregare la Santa Madre di Dio,soprattutto nei momenti di calamità. Si narra che nell'inverno del 1691 si scatenò una spaventosa tempesta accompagnata da fulmini e tuoni che sconvolse l'intera popolazione.
La gente impaurita corse a cercare rifugio a Porta di Mare per supplicare la Vergine Immacolata di essere liberata da quelle terribile tempesta.Improvvisamente un fulmine con fragore immenso, dopo avere sfiorato diverse persone che si trovavano in preghiera, colpì a morte un cavallo che, per fatalità, alcuni momenti prima, un ragazzo aveva lasciato in quei pressi perfermarsi a pregare davanti alla S. Immagine. Tutti gridarono al miracolo e, da quel momento il Simulacro fu soprannominato"Madonna del Fulmine".

Il Santuario
Il 14 luglio 1691 il popolo marsalese in segno di gratitudine alla Madonna, con il consenso del Senato della città e con le offerte raccolte, volle costruire sul luogo del miracolo, al posto della cappelletta, una chiesa.Il nuovo tempio, sorto dalla ristrutturazione dell'armeria del vicino quartiere militare, era di forma rettangolare e aveva l'ingresso dall'atrio di Porta di Mare. La S. Immagine trovò la giusta collocazione nell'altare Maggiore (attualmente nella cappella del lato destro).Nell'ottobre del 1750 la Congregazione dei Servi di Maria SS. Addolorata, fondata nel 1746 dal Sac. Gaspare Rallo,essendo cresciuta notevolmente di numero, con il permesso da parte del Senato, si trasferì dalla vicina chiesa di S. Giovanni di Rodi nella chiesa della "Madonna del Fulmine".
Qui il consesso cittadino raggiunse, punte mai registrate prima, per cui, durante il rettorato del Sac. Giovanni Tommaso Morana (1770), si avvertì l'esigenza di ampliare e rinnovare la chiesa divenuta angusta per l'aumentato afflusso di fedeli. La pianta rettangolare fu trasformata in circolare (le sue dimensioni vogliono riprodurre la cupola della Chiesa Madre crollata nel 1893) e l'ingresso fu trasferito sulla piazzetta chiamata "Addolorata",
dove attualmente si trova. Si rese quindi necessario creare una nuova abside sull'asse d'ingresso, dove si trova collocato il Simulacro dell'Addolorata, lasciando nel posto originario la primitiva cappella della "Madonna del Fulmine".
L'esecuzione dei lavori fu affidata al capo mastro Pietro Russo e i lavori, come attesta la lapide posta sul prospetto, durarono dal 1786 al 1790.

Non sono ancora state pubblicate delle testimonianze su questo sanuario.

Puoi essere il primo a raccontare le tue esperienze in questo luogo.

Scrivici la tua testimonianza

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla Privacy di Vaticano.com e acconsento al trattamento dei miei dati ai sensi della legge 196/03 e successive.


Mappa