Cattedrale di San Virgilio - Trento

La Cattedrale di San Virgilio prende il nome dal patrono della città di Trento, di cui è anche il Duomo, e dal 1913 gli è stato conferito anche il titolo di basilica minore. Si tratta della principale chiesa cittadine, che si affaccia nella centrale piazza del Duomo, ben armonizzata con il retrostante Castelletto dei vescovi e il Palazzo Pretorio, che si trova al suo fianco.



In origine, nella zona in cui è stata eretta la chiesa si trovava già un'antica basilica, sempre dedicata a San Virgilio. Dopo aver subito varie trasformazioni nel corso dei secoli, una forte riedificazione della cattedrale è voluta dal vescovo Uldarico II (1022-1055), e circa cento anni dopo (nel 1145), il vescovo locale Altemanno e il patriarca di Aquileia consacrò solennemente l'edificio. Nel 1212 iniziò poi la ricostruzione totale del duomo dalle sue fondamenta. Voluta dal vescovo Federico Vanga, la costruzione fu terminata solo dopo molti anni, ad opera prima dei figli, poi dei nipoti di quell'Adamo d'Arogno che ne iniziò i lavori. Nel corso dei secoli, poi diversi furono i lavori per ampliare e abbellire la Cattedrale di San Virgilio, da sempre un punto fisso della fede cittadina.



All'esterno svettano i due campanili, uno dei quali presenta una finestra in cui si può osservare una particolarissima serie di sculture, mentre più in basso decori e bassorilievi marmorei impreziosiscono la facciata in cui è presente un rosone con al di sotto il protiro della Porta del Vescovo. Sul transetto settentrionale troviamo il rosone con la ruota della fortuna, un'opera del duecento di uno sculture campionese. Tutto l'edificio è realizzato con pietra viva di Trento, che dona solidità e rigore alla struttura.



All'interno ci accolgono le tre grandi navate, divise da colonne a fascio. L'altare maggiore, in stile barocco, custodisce ancora oggi le reliquie di San Virgilio, pronte a ricevere la devozione dei fedeli. Un bellissimo esempio di arte sacra è anche la Cappella del Crocifisso, risalente al 1682. Al di sotto della cattedrale, troviamo ancora la basilica paleocristiana, antenata del Duomo, portata alla luce con numerosi scavi e visitabile da fedeli e turisti.



Tutta la Cattedrale di San Virgilio riecheggia di ricchezza estetica e iconografia cristiana, la cui ispirazione romanica finisce per mescolarsi con sapienza al gotico e al barocco, con numerosissimi esempi d'arte custoditi all'interno o visibili sulle mura esterne. La sua magnificenza è data anche dall'importanza delle dimensioni, oltre che dall'architettura, basta pensare che è lunga ben 72 metri e larga 24 (di cui 12 occupati dalla navata centrale), con un'altezza di 26.



La Cattedrale di San Virgilio è visitabile tutti i giorni ai seguenti orari: 6:30 - 12:00 e poi dalle 14:30 alle 20:00, con possibili variazioni durante le festività. Gli orari delle Sante Messe sono: dal lunedì al sabato alle 7:10, alle 8:00 e alle 19:00, mentre la domenica alle 8:00, alle 10:00 e alle 19:00.


Non sono ancora state pubblicate delle testimonianze su questo sanuario.

Puoi essere il primo a raccontare le tue esperienze in questo luogo.

Scrivici la tua testimonianza

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla Privacy di Vaticano.com e acconsento al trattamento dei miei dati ai sensi della legge 196/03 e successive.


Mappa