Santuario di Santa Maria di Collemaggio - L'Aquila

Storia: Il Santuario si trova sul luogo dove un tempo esisteva una piccola chiesa dedicata a S. Maria dell’Assunzione, in cui si venerava una miracolosa immagine della Madonna. Venne fondato dall'eremita Pietro di Morrone nel 1287, che pochi anni dopo (29 agosto 1294) fu eletto Papa, in questa basilica, con il nome di Celestino V.

Dopo soli quattro mesi di mandato,Celestino V, conosciuto anche come il papa dal grande rifiuto giustificò con queste parole la sua rinuncia:

« Io Papa Celestino V, spinto da legittime ragioni, per umiltà e debolezza del mio corpo e la malignità della plebe [di questa plebe], al fine di recuperare con la consolazione della vita di prima, la tranquillità perduta, abbandono liberamente e spontaneamente il Pontificato e rinuncio espressamente al trono, alla dignità, all'onere e all'onore che esso comporta, dando sin da questo momento al sacro Collegio dei Cardinali la facoltà di scegliere e provvedere, secondo le leggi canoniche, di un pastore la Chiesa Universale. »

Alla rinuncia della carica fu catturato e imprigionato nella rocca di Fumone, dove morì il 19 maggio 1296.

Nel 1327 le sue spoglie furono traslate nella Basilica di Santa Maria di Collemaggio e custodite nell’apposito mausoleo.
Il 12 agosto 2013 in seguito alla chiusura della Basilica per ristrutturazione, necessaria dopo il terremoto del 2009, l’Urna contenente le Sacre Spoglie fu trasferita nella Basilica di San Giuseppe Artigiano, nel cuore della città antica, e collocata nella cappella laterale, a destra dell’altare maggiore, dove è stata allestita una cancellata per garantirne la sicurezza.

Le  vicende della costruzione della basilica di Santa Maria di Collemaggio si susseguono nel lungo tempo con ma crolli, restauri, aggiunte e trasformazioni della struttura di chiara origine templare. Oggi la basilica è il risultato di una complessa sintesi tra l'architettura romanica, l'aspirazione gotica e le forme barocche.

Attualmente Il Santuario è visitabile solo dall'esterno i lavori dell'intero complesso dovrebbero terminare entro la fine del 2016. L'Organo storico sarà restaurato e ricollocato nella sua posizione originaria al termine dei lavori sulla Basilica.

Santo del Santuario: Santa Maria di Collemaggio

Curiosità: A sinistra della facciata, si apre un monumentale e prestigioso portale sormontato da un dipinto della Vergine con San Giovanni Battista e Pietro Celestino, nonché dallo stemma cittadino, cioè un'Aquila del periodo Svevo. Si tratta della prima Porta Santa della storia, fortemente voluta da Celestino V, l'unico papa a diventare tale non a Roma, ma proprio all'Aquila all'interno di questa basilica.
Nell'agosto del 1294 a Collemaggio Celestino V emanò una Bolla pontificia della perdonanza con la quale concedeva un'indulgenza plenaria e universale a tutti i battezzati. La Bolla di San Pietro Celestino, nota come la Bolla del Perdono, celebrazione religiosa che anticipò di sei anni il primo Giubileo del 1300, poneva come condizioni per l'ottenimento del perdono l'ingresso nella Basilica nell'arco di tempo compreso tra le sere del 28 e del 29 agosto di ogni anno e l'essere "veramente pentiti e confessati".
L'apertura della Porta Santa si ripete con cadenza annuale.

Non sono ancora state pubblicate delle testimonianze su questo sanuario.

Puoi essere il primo a raccontare le tue esperienze in questo luogo.

Scrivici la tua testimonianza

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla Privacy di Vaticano.com e acconsento al trattamento dei miei dati ai sensi della legge 196/03 e successive.


Mappa