Santuario Madonna del Popolo

La Storia

La cattedrale di Cesena, dedicata a San Giovanni Battista, fu eretta alla fine del '300, ad opera di Andrea Malatesta su disegno del tedesco Underwalden e terminata nel '400. Subì numerosi rifacimenti nel '400, alla metà del '500 e nel XVIII secolo. In seguito a cattivi restauri operati nel XIX secolo, fu di nuovo portata alla struttura originaria negli anni 1957-60.

Il Santuario

La facciata è in stile rinascimento veneziano con portale gotico di marmo. In una nicchia a destra del portale si trova una scultura quattrocentesca: Madonna con Bambino, di Gottardo di Gaspare. L'interno è a tre navate, con archi e volte ogivali. Nella navata destra il sepolcro di Antonio Malaesta, Vescovo di Cesena, opera del 1467 di Ottaviano di Antonio di Duccio, e un altare rinascimentale in pietra d'Istria. A sinistra un trittico marmoreo di Lorenzo Bregno, del 1514, con i santi Leonardo, Cristoforo ed Eustachio. A metà della navata si ammirano la cappella della Madonna del Popolo, barocca, ricca di finissimi marmi, in cui si trova un altare di Virginio, e la volta con affreschi di Corrado Giaquinto. Sull'altare il quadro della Vergine. Vespignani

Non sono ancora state pubblicate delle testimonianze su questo sanuario.

Puoi essere il primo a raccontare le tue esperienze in questo luogo.

Scrivici la tua testimonianza

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla Privacy di Vaticano.com e acconsento al trattamento dei miei dati ai sensi della legge 196/03 e successive.


Mappa