Santuario Beata Vergine delle Grazie

Storia:



Situato nel piccolo borgo di Parola, dove la popolazione venerava un’immagine del’400 della Vergine, in seguito al crescente afflusso di pellegrini, nel 1749, si provvide all’edificazione di una Chiesa più grande ed ospitale.



 



Santuario:



Costruito in stile barocco a navata singola con cappelle laterali, tra le quali quella antica di Santa Caterina, che ospitava in precedenza il dipinto della Vergine. Dotato altresì di un campanile slanciato esterno, a cui va aggiungersi una lanterna del 20esimo secolo.



La Chiesa divenne parrocchiale nel giugno 1347, in seguito alla richiesta di piena autonomia dalla rettoria di Coduro degli abitanti al Vescovo di Parma.



In seguito all’accoglimento di detta richiesta, venne affidata la cura delle anime ad un sacerdote beneficiato dalla popolazione, ma più tardi il compito venne assolto da religiosi. Tra questi venne nominato un rettore dal capitolo di Borgo, la Chiesa rischiò di divenire assoggettata a Borgo, quando quest’ultima chiese l’indipendenza spirituale a Parma.



Nel 1601 venne eretta la diocesi di San Donnino, Parola entrò a fare parte del rettorato nel vicariato suburbano, trasformandosi in prepositura poco più di 60 anni dopo.



 


Non sono ancora state pubblicate delle testimonianze su questo sanuario.

Puoi essere il primo a raccontare le tue esperienze in questo luogo.

Scrivici la tua testimonianza

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla Privacy di Vaticano.com e acconsento al trattamento dei miei dati ai sensi della legge 196/03 e successive.


Mappa