La Pasqua della Resurrezione

di Pubblicato in Dal Vaticano, Eventi, News

La Pasqua della Resurrezione.  La maggiore festività del mondo cristiano. Quest’anno, eccezionalmente, cattolici, ortodossi ed ebrei la festeggiano lo stesso giorno.

L’annuncio giocondo della Pasqua offre ai credenti la rasserenante convinzione che l’abisso della morte è stato superato e, con esso, il lutto, il lamento e l’affanno sono stati sconfitti ( Ap 21,4 ).

Papa Francesco ci ricorda:

«di fronte alle voragini spirituali e morali dell’umanità, di fronte ai vuoti che si aprono nei cuori e che provocano odio e morte, solo un’infinita misericordia può darci salvezza. Solo Dio può riempire col suo amore questi vuoti, questi abissi, e permetterci di non sprofondare ma di continuare a camminare insieme verso la Terra della libertà e della vita. Il Signore, che ha patito l’abbandono dei suoi discepoli, il peso di una ingiusta condanna e la vergogna di una morte infame, ci rende ora partecipi della sua vita immortale e ci dona il suo sguardo di tenerezza e di compassione verso gli affamati e gli assetati, i forestieri e i carcerati, gli emarginati e gli scartati, le vittime del sopruso e della violenza».

Presso la Cappella Papale Basilica Vaticana sabato 15 aprile alle ore 20.30 si terrà la Veglia pasquale. Il Santo Padre benedirà il fuoco nuovo nell’atrio della Basilica di San Pietro;ne seguirà l’ingresso processionale in Basilica con il tradizionale cero pasquale e il canto dell’Exsultet.

Il Santo Padre presiederà la Liturgia della Parola, la Liturgia Battesimale e la Liturgia Eucaristica, che sarà concelebrata con i Cardinali, i Vescovi che lo desiderano e alcuni Presbiteri.

Il giorno di Pasqua 16 aprile presso la Cappella Papale in Piazza San Pietro il Santo Padre celebrerà la Santa Messa alle ore 10. Al termine della celebrazione, dalla loggia centrale della Basilica impartirà la Benedizione «Urbi et Orbi».

 

Autore: Franco Collodet

Sociologo e scrittore, studi specialistici in gestione delle politiche sociali. Studi specialistici in Scienze Storico-Antropologiche delle Religioni, professore presso l’Istituto Volterra-Elia di Ancona. Master presso la Scuola Superiore di Filosofia Orientale e Comparativa di Rimini. Esperto dei cammini religiosi in Europa e in Medio Oriente.