Seducente Santa Brigida d’Irlanda – tra mito e leggenda

di Pubblicato in Approfondimenti, Ricorrenze Religiose

La figura di questa santa si trova in congiunzione tra mito e leggenda, nella terra d’Irlanda tra druidi e fuochi infiniti. La mitologia racconta che torni ogni venti giorni in convento e, che il suo ritorno in carne ed ossa abbia un specifico fine. Santa Brigida d’Irlanda è famosa per la sua Croce, e per i miracoli che videro addirittura riunificazioni familiari alquanto improbabili.

Brigida nacque nei pressi Dundalk, nella contea di Louth, in Irlanda intorno al 451, si avvicinò giovanissima al Cristianesimo, stimolata dalla predicazione di san Patrizio. Prese il velo dalle mani di altri santi e sarebbe persino stata ordinata vescovo. Per tributare i massimi onori alla sua chiesa di Kildare, alcune tradizioni asseriscono perfino che Brigida avrebbe ricevuto il “pallium”, segno distintivo degli arcivescovi metropoliti.

Kildare  significa “cella della quercia” facendo riferimento ad un ara gravante su una trave di legno massiccio, a cui furono attribuiti poteri miracolosi, collegamento tra paganesimo e cristianesimo.

La famosa santa irlandese si fonde tra miti e leggende in una fase storica di passaggio tra la trasformazione dei riti pagani con le festività cristiane. Gli irlandesi hanno mantenuto la fantasia popolare unita a tanti elementi fantastici.

Brigida viene commemorata il 1 febbraio dal Martyrologium Romanum, in Irlanda è seconda solo a San Patrizio.

Diventò  badessa del monastero maschile e femminile di Kildare, a circa settanta chilometri da Dublino. Era abbastanza comune in quel tempo che nella Chiesa celtica una donna in qualità di superiora governasse entrambi le sezioni di un monastero.

Brigida esercitò molta influenza sulla vita delle chiese celtiche. Fu anello di congiunzione  tra il mondo latino dove venivano esaltati la ricchezza e il potere, mentre i santi celtici brillavano invece per le loro qualità pastorali. Brigida dimostrò, donando la spada di suo padre ad un lebbroso, come la sua autorità spirituale risiedesse non nel potere punitivo e nell’aggressività, piuttosto nella compassione e nella misericordia.

I racconti  della vita di questa santa, ricalcano in parte alcuni episodi evangelici della vita di Gesù: la sua nascita della santa fu preannunciata da un druido, in vita Brigida ebbe delle preziose guide come San Maccaille e San Mel. Come Gesù, che fu annunciato da Giovanni Battista e guidato dallo Spirito Santo e dagli angeli.

Brigida diventò  consigliera e guida spirituale per il prossimo, radunando attorno a sé numerosi discepoli.

Croce di santa Brigida d’Irlanda

Le furono attribuiti dei miracoli che, proprio come nel caso di Gesù, costituivano in larga misura delle risposte ai bisogni dell’uomo, come quando, simulando l’episodio delle nozze di Cana, nel Meath “spillò birra da un solo barile per diciotto chiese, in quantità tale che bastò dal Giovedì Santo alla fine del tempo pasquale”, come ricorda il Breviario di Aberdeen.

 

Da questo episodio nacque la “preghiera di Brigida”:

Vorrei un lago di birra per il Re dei Re.

Vorrei che la famiglia celeste fosse qui a berne per l’eternità,

Vorrei che ci fosse allegria nel berne.

Vorrei anche Gesù qui.

 

Molte sono le analogie con l’esistenza terrena del Cristo. A Santa Brigida furono collegate innumerevoli tradizioni celtiche, oggi riconducibili al paganesimo.

Ancora oggi in Irlanda resiste la consuetudine di porre un lumino sulle finestre delle case. Numerosi pellegrinaggi ancor oggi sono legati ai luoghi ed alla sua memoria. Una forte devozione era nutrita nei suoi confronti dai numerosi pellegrini irlandesi che nel Medioevo percorrevano a piedi  l’Europa contribuendo alla diffusione del suo culto.

Ripetendo un’invocazione in gallese:

 “Santa Brigida, custodiscici nel nostro viaggio”.

Brigida morì intorno al 524, la sua festa fu da sempre il 1° febbraio, giorno in cui è ancora oggi ricordata anche dal martirologio ufficiale della Chiesa Cattolica.

Le Vite della santa si ritrovano nello scritto della biografia del monaco irlandese Cogitosus del VII secolo.

Nei primi martirologi è maggiore la presenza delle donne sante rispetto agli uomini. Le donne venivano associate al ministero sacerdotale che scandalizzava i vescovi continentali del VII secolo, i quali giudicavano con diffidenza il fatto che delle donne ardissero a “prendere il calice e amministrassero il sangue di Cristo”.

A santa Brigida d’Irlanda sono state attribuite anche personali “nozze di Cana”, naturalmente in termini locali, quando nel Meath:

“spillò birra da un solo barile per diciotto chiese, in quantità tale che bastò dal Giovedì Santo alla fine del tempo pasquale» (dal Breviario di Aberdeen).

Patrona: d’ Irlanda dei Poeti dei Fabbri e dei Guaritori.

Brigida significa: potente, forte, alta.

Il suo emblema è:  la  Mucca.

Autore: Franco Collodet

Sociologo e scrittore, studi specialistici in gestione delle politiche sociali. Studi specialistici in Scienze Storico-Antropologiche delle Religioni, professore presso l’Istituto Volterra-Elia di Ancona. Master presso la Scuola Superiore di Filosofia Orientale e Comparativa di Rimini. Esperto dei cammini religiosi in Europa e in Medio Oriente.