Santuario Nostra Signora Di Bonacatu

La Storia

Il Santuario della Madonna di Bonacatu, il più antico dell'isola, risale al VI secolo. Di fondazione bizantina, era una minuscola chiesetta a croce greca con una rudimentale cupola all'incrocio dei 4 bracci eretta su un edificio romano paleocristiano. Tra il 1246 e il 1263 fu ampliata fino a raggiungere le dimensioni attuali. Il Santuario è attiguo alla Basilica di S. Maria, suggestiva Chiesa romanica del 1200, e ai ruderi del Monastero dei Camaldolesi, che si insediarono a Bonacardo nel 1211.

Il Santuario

Il Santuario è una piccola costruzione con cupola di 12x12 metri. Attualmente l'interno è a croce libera, con una bassa cupola al centro che poggia sul falso tamburo quadrato su cui si intersecano i quattro bracci asimmetrici, coperti da volte a botte di ispirazione bizantina. I bracci a nord ed a ovest sono absidati. La facciata è in pietra chiara, ravvivata da nove caratteristici archetti su mensoline e da ciotole iridescenti. La piccola statua che la leggenda vuole trovata casualmente da un cacciatore fu sostituita da un'elegante terracotta policroma di scultore fiorentino della scuola di Donatello che raffigura la Vergine con Bambino.

Non sono ancora state pubblicate delle testimonianze su questo sanuario.

Puoi essere il primo a raccontare le tue esperienze in questo luogo.

Scrivici la tua testimonianza

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla Privacy di Vaticano.com e acconsento al trattamento dei miei dati ai sensi della legge 196/03 e successive.


Mappa