Santuario di San Calogero al Monte

Ordine del Santuario: Frati Francescani del Terzo Ordine Regolare

Storia: San Calogero nacque a Calcedonia, in Asia Minore, si stabilì in Sicilia al tempo delle persecuzioni e si dedicò alla predicazione e alla cura dei malati. Il Santo Eremita visse in diverse grotte fino a quando si stabilì a Sciacca, sulla grotta del Kronio, dove rimase fino alla sua morte.

Le origini del Santuario risalgono alla fine del 1400 quando i pochi monaci di San Calogero allestirono per loro alcune stanze sul Kronio e ritornarono definitivamente vicino alla grotta del Santo.

La costruzione dell'attuale Santuario ebbe inizio nel 1530 ad opera del Vescovo Mariano Manno e sostituì la vecchia chiesetta. Fu inaugurato nel 1644.

Sull’altare centrale si venera la statua di San Calogero, opera di Antonello e Giacomo Gagini, del 1538, posta in un elegante custodia lignea del 1700.
La statua era stata commissionata nel 1535 dal cappellano don Antonino Bruno ad Antonello Gagini di Palermo. Venne consegnata nel 1538 da Giacomo Gagini, a nome proprio e del padre Antonello che era morto nel 1536. L'opera rimase incompleta in quanto prevedeva, da contratto, anche l'arciere che ferì la cerva.

Il Santo è raffigurato con abito da eremita e da abate Basiliano, con una Bibbia in mano e una cerva di fianco, con ricche decorazioni in oro. Il volto di San Calogero è pieno di intensa serenità.

Santo del Santuario: San Calogero.

Da vedere: A lato sinistro del Santuario inizia la via sacra che porta alla grotta di San Calogero, meta di pellegrinaggi.
Entrando nella Grotta si può ammirare una ceramica bronzea raffigurante la morte di San Calogero. Nella seconda grotta è presente una buca larga un metro e mezzo e lunga due, capace di far passare un uomo carponi, all'interno della quale si pensa che il Santo Eremita prendesse riposo. Collocata su un piccolo altare troviamo una maiolica raffigurante San Calogero vecchio e benedicente. A destra del Santo è raffigurata la cerva ferita al collo e alla sinistra l'arciere genuflesso in atto di preghiera.
Per informazioni e visite alla Grotta rivolgersi direttamente ai Frati.

Servizi: Il Santuario è centro di riferimento spirituale nelle grandi circostanze della vita dello spirito: Riconciliazione con Dio, Eucaristia, Battesimi, Matrimoni.
Adorazione Eucaristica per le Vocazioni ogni Giovedì alle ore 20:30.

Esperienze spirituali: Visitando il Santuario ci si può raccogliere in preghiera davanti la statua di San Calogero posta sull’altare centrale.

Festività significative: Ultimo martedì del mese processione delle reliquie di San Calogero alla Grotta, 18 Giugno festa liturgica di San Calogero.

Curiosità: La festa in onore di San Calogero viene celebrata annualmente nel martedì di Pentecoste. Per gli abitanti di Sciacca rappresenta l'occasione per rinnovare la propria devozione al Santo. Si recano in processione per le vie del paese fino a raggiungere il Santuario sul Monte di San Calogero. Un atto comunitario, celebrato all'alba, con partenza dalla Chiesa Madre su un percorso di 7-8 km, la distanza che separa Sciacca dal monte Kronio e che vede molti fedeli camminare anche a piedi scalzi.

Orario Santuario: 7.30 – 12.30 / 15.00 – fino al tramonto

Orari Messa e ufficio: Feriale 18.00 Festivo 11.00 – 17.30 – 19.00

Non sono ancora state pubblicate delle testimonianze su questo sanuario.

Puoi essere il primo a raccontare le tue esperienze in questo luogo.

Scrivici la tua testimonianza

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla Privacy di Vaticano.com e acconsento al trattamento dei miei dati ai sensi della legge 196/03 e successive.


Mappa