La statua religiosa più alta d’Italia

di Pubblicato in Approfondimenti, News


Mentre le cinque più alte statue religiose nel mondo sono:

1 – Il Buddha Zhōngyuán o Spring Temple Buddha, Cina di 128 metri

2 – Il Laykyun Setkyar, Birmania di 116 metri

3 – Lo Ushiku Daibutsu, Giappone di 110 metri

4 – Il Grande Buddha della Thailandia di 92 metri

5 – Il Buddha di Ling Shan, Cina di 88 metri

in Italia  la statua religiosa più alta della penisola si trova ad Arona in provincia di Novara, uno dei maggiori centri turistici e commerciali affacciati sul Lago Maggiore. Dal Sacro Monte di San Carlo svetta la Statua di San Carlone, conosciuta anche come il Colosso di San Carlo Borromeo. La statua, situata su di un piedistallo di granito di 11,70 metri, misura  23,40 metri. Corrisponde effettivamente all’altezza di un palazzo di circa 11 piani.

Complessivamente misura 35,10 metri, ed è stato, tra le statue visitabili all’interno, il monumento più alto al mondo per quasi due secoli, superato nel 1886 dalla Statua della Libertà che misura dai piedi alla punta della fiaccola 46 metri. Le dimensioni del Colosso di San Carlo Borromeo sono state rilevate con esattezza in seguito al restauro conclusosi nel 1975 condotto dall’ing. Carlo Ferrari Da Passano, direttore della Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano. Alcune caratteristiche della statua: la lunghezza dell’indice della mano è pari a 1,95 metri,  mentre la larghezza della mano è di 1,45 metri e il pollice misura 1,40 metri, l’altezza del breviario è di 4,20 metri.

La struttura della statua  internamente è costituita da una colonna di blocchi di pietra sovrapposti, che provengono dalle cave di Angera, dove si estrae la pietra d’Angera, una roccia sedimentaria di composizione dolomitica utilizzata anche nel Teatro Romano di Milano. La statua è sorretta da un’intelaiatura interna in ferro che la sorregge fino alle spalle e ricoperta da lastre di rame che danno forma al colosso.

La statua aperta al pubblico per le visite è accessibile da una ripiegatura del rocchetto. Da qui si sale su di una scala, prima a chiocciola che poi diventa ripida a pioli, terminando fin dentro la testa di San Carlo: da questa altezza attraverso i fori degli occhi e delle orecchie potrete ammirare lo stupendo panorama che si apre ai vostri occhi.

Poco più bassa è invece la Statua del Cristo Redentore di Maratea sita sul monte San Biagio in provincia di Potenza, che spunta dalla cima guardando la città con i suoi 21,13 metri. E’ stata realizzata a scaglie con marmo di Carrara dei monti Apuani dall’artista fiorentino Bruno Innocenti  nel 1965. La testa della statua è alta 3 metri ed il peso totale risulta di circa 400 tonnellate.

Autore: Franco Collodet

Sociologo e scrittore, studi specialistici in gestione delle politiche sociali. Studi specialistici in Scienze Storico-Antropologiche delle Religioni, professore presso l’Istituto Volterra-Elia di Ancona. Master presso la Scuola Superiore di Filosofia Orientale e Comparativa di Rimini. Esperto dei cammini religiosi in Europa e in Medio Oriente.