Santa Scolastica da Norcia 10 febbraio

di Pubblicato in Approfondimenti, News, Ricorrenze Religiose


Santa Scolastica da Norcia nacque a Norcia il 2 marzo del 480. Sorella gemella di Benedetto da Norcia fu una religiosa italiana. Il padre Eutropio Anicio, discendente di un’antica famiglia senatoriale romana, era un Capitano Generale dei romani nella zona di Norcia. La madre, Claudia Abondantia Reguardati, era contessa di Norcia. Il padre decise di avviare alla vita monastica la figlia Scolastica.

Da bambina Scolastica fu mandata a Roma insieme al fratello per seguire gli studi classici. La vita viziosa romana turbò entrambi. Il fratello Benedetto decise di ritirarsi in un eremo. Mentre Scolastica rifiutando i beni terreni e di conseguenza anche l’eredità del patrimonio del padre gli chiese di ritirarsi in un monastero nei pressi di Norcia.

Il padre, anche se in un primo tempo non condivideva la decisione della figlia in seguito la accettò . Qualche tempo dopo Scolastica raggiunse il fratello a Subiaco. Benedetto fondò l’abbazia di Montecassino e Scolastica lo seguì ai piedi di Montecassino. A circa 7 km dall’abbazia, edificò il monastero di Piumarola, dove insieme alle consorelle seguì la regola di San Benedetto originando il ramo femminile dell’Ordine Benedettino.

Scolastica nel monastero si raccomandava di osservare la regola del silenzio.

I due fratelli su incontravano una volta all’anno in una casetta a metà strada tra i due monasteri, diventata oggetto di culto. La leggenda racconta che poco prima della sua morte Scolastica chiese al fratello di protrarre il colloquio spirituale fino al mattino. Benedetto non voleva per non infrangere la regola. Scolastica allora pregò il Signore di non far allontanare il fratello. All’improvviso venne un inaspettato temporale e Benedetto fu costretto a trattenersi per tutta la notte.

Tre giorni dopo Scolastica morì. Benedetto seppellì la sorella nella tomba dove anch’egli poco tempo dopo fu seppellito.

La devozione di Santa Scolastica e San Benedetto

Le reliquie di Scolastica e Benedetto sono custodite sotto l’altare maggiore della basilica di Montecassino. Altri resti della Santa sono custoditi presso il Casino di Cicco sito in Sant’Apollinare.

Da alcune leggende diffuse in Abruzzo sembra che il martirio subito da Scolastica sia avvenuto con amputazione finale delle mammelle. Questo sarebbe il motivo per il quale alcuni devoti la considerano la protettrice delle puerpere. La Santa viene anche pregata per difendersi dai fulmini e per ottenere la pioggia.

Santa Scolastica è patrona dell’ordine delle monache benedettine. Viene venerata come santa dalla Chiesa cattolica, dalla Chiesa ortodossa e dalla Chiesa anglicana.

https://www.vaticano.com/turismo/scheda_202_santuario-monastero-benedettino-santa-scolastica-subiaco.html

Autore: Franco Collodet

Sociologo e scrittore, studi specialistici in gestione delle politiche sociali. Studi specialistici in Scienze Storico-Antropologiche delle Religioni, professore presso l’Istituto Volterra-Elia di Ancona. Master presso la Scuola Superiore di Filosofia Orientale e Comparativa di Rimini. Esperto dei cammini religiosi in Europa e in Medio Oriente.