Santuario San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte - Maddaloni

Storia



Il Santuario di San Michele è sito a 424 m s.l.m proprio sull’ultima vetta dei Colli Tifatini che vanno da Capua a Maddaloni. In precedenza era un luogo strategico-militare per i Romani, i Longobardi ed i Sanniti. La tradizione narra che l’Arcangelo Michele apparve ad un giovane pastore attorno al Settimo Secolo. Questo giovane capraio, mentre era intento a far pascolare il bestiame si recò verso la vetta più alta, pensando di trovare un alpeggio migliore. Appena giunse sul posto, vide un giovane che raccoglieva pietre, il pastorello non disse nulla e si mise ad aiutarlo. Appena tornò al paese, si accorse che le capre donavano un latte migliore e più abbondante di quanto mai prodotto in precedenza. Allora il capraio tornò sul luogo e chiese al ragazzo chi fosse e perché fosse intento a raccogliere pietre, quest’ultimo rispose dicendo di essere l’Arcangelo Michele e che desiderava fosse eretta una cappella in quel luogo. Appena il giovane pastore informò la popolazione del lieto incontro, tutti si recarono sul luogo per erigere una piccola cappella in onore dell’Arcangelo.



Il Santuario risale ai tempi dei Longobardi, fu infatti la Principessa Teodorata a sviluppare il culto dell’Arcangelo nel meridione. La prima menzione del Santuario (chiamato Eremo) risale alla seconda metà del Decimo Secolo. Altre menzioni arrivarono nel 1113 e nel 1178. Si narra inoltre che San Francesco di Assisi mentre si recava in visita al Beato Agostino a Capua, si fermò presso il Santuario.



Nel 1846 l’intera famiglia di Re Ferdinando II di Borbone si recò a rendere omaggio all’Arcangelo. Durante il complesso conflitto per unificare l’Italia, il Santuario e l’area circostante vennero occupati dall’esercito Garibaldino, fatto che permise di vincere la battaglia dei Ponti della Valle, passo importante per l’unificazione del Bel Paese.



Lungo i secoli l’edificio subì numerose modificazioni ed interventi, basti pensare che dal 1820 il Santuario raddoppiò di dimensioni, 36 anni dopo venne eretto un altare marmoreo raffigurante lo stemma di San Michele (scudo, spada e bilancia).



Durante i primi decenni del 20esimo Secolo vennero fatti ulteriori interventi di ampliamento, come l’edificazione del campanile.



Struttura



Gli interventi effettuati durante il primo decennio del ‘900 hanno fornito al Santuario l’aspetto neoromanico che oggi possiamo ammirare. L’interno è composto da una piccola cupola e da una singola navata. Il Santuario ancora ospita un crocifisso in legno del 18esimo secolo, situato nell’abside del presbiterio, sono inoltre presenti all’interno della struttura numerosi affreschi, raffiguranti la Santissima Vergine, Santa Monica e Sant’Agostino.



La Chiesa possiede anche dei locali per ospitare i pellegrini e per effettuare incontri religiosi e spirituali.



Nel 1993, il piazzale d’ingresso è stato trasformato in una Chiesa all’aperto, arricchito da un monumento raffigurante l’immagine della Santissima Vergine Maria. L’anno successivo al nome del Santuario si è aggiunta anche Santa Maria del Monte.


Non sono ancora state pubblicate delle testimonianze su questo sanuario.

Puoi essere il primo a raccontare le tue esperienze in questo luogo.

Scrivici la tua testimonianza

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla Privacy di Vaticano.com e acconsento al trattamento dei miei dati ai sensi della legge 196/03 e successive.


Mappa