Giubileo della Misericordia 20 novembre 2016

di Pubblicato in Eventi, Giubileo della Misericordia, News

Si conclude oggi 20 novembre il Giubileo della Misericordia cominciato l’8 dicembre 2015 .

Un grandissimo evento che ha visto 21.292.926 partecipanti al Giubileo di Roma. L’Agnus Dei  e cioè l’Agnello Pasquale vittorioso sulla morte subita sull’altare della croce è circondato dalla scritta in latino “E Dio asciugherà ogni lacrima dai loro occhi” (Libro dell’Apocalisse 7,17), è il logo ufficiale di questo Giubileo in detto da Papa Francesco al motto di “Misericordiosi come il Padre”.

Il Giubileo della Misericordia si era aperto con la preghiera di Papa Francesco:

Signore Gesù Cristo,

tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste,

e ci hai detto che chi vede te vede Lui.

Mostraci il tuo volto e saremo salvi.

Il tuo sguardo pieno di amore liberò Zaccheo e Matteo dalla schiavitù del denaro;

l’adultera e la Maddalena dal porre la felicità solo in una creatura;

fece piangere Pietro dopo il tradimento,

e assicurò il Paradiso al ladrone pentito.

Fa’ che ognuno di noi ascolti come rivolta a sé la parola che dicesti alla samaritana:

Se tu conoscessi il dono di Dio!

 

Tu sei il volto visibile del Padre invisibile,

del Dio che manifesta la sua onnipotenza soprattutto con il perdono e la misericordia:

fa’ che la Chiesa sia nel mondo il volto visibile di Te, suo Signore, risorto e nella gloria.

Hai voluto che i tuoi ministri fossero anch’essi rivestiti di debolezza

per sentire giusta compassione per quelli che sono nell’ignoranza e nell’errore:

fa’ che chiunque si accosti a uno di loro si senta atteso, amato e perdonato da Dio.

 

Manda il tuo Spirito e consacraci tutti con la sua unzione

perché il Giubileo della Misericordia sia un anno di grazia del Signore

e la tua Chiesa con rinnovato entusiasmo possa portare ai poveri il lieto messaggio

proclamare ai prigionieri e agli oppressi la libertà

e ai ciechi restituire la vista.

 

Lo chiediamo per intercessione di Maria Madre della Misericordia

a te che vivi e regni con il Padre e lo Spirito Santo per tutti i secoli dei secoli.

Amen

 

La preghiera del Giubileo della Misericordia racchiude in sé tutti i propositi, tutte le intenzioni e tutte le speranze del popolo di Dio. Per la prima volta nella storia in questo Giubileo Straordinario si sono aperte le Porte della Misericordia in tutto il mondo. Come disposto in precedenza si è data autorizzazione a tutti

gli Ordinari di ciascuna diocesi di predisporre l’apertura di porte Sante della Misericordia anche nei Santuari di particolare importanza soprattutto dove l’affluenza dei fedeli è particolarmente intensa per permettere d’incontrare l’abbraccio misericordioso del Padre .

Il significato del Giubileo della Misericordia è descritto nella Bolla pontificia Misericordiae Vultus, la Bolla d’Indizione del Giubileo della Misericordia.

“Sentire la misericordia è il meglio che noi possiamo sentire perché cambia il mondo. La misericordia rende il mondo meno freddo e più giusto. Comprendere bene la misericordia dove il padre misericordioso ha tanta pazienza”.

Papa Francesco all ’inizio dell’anno della misericordia sottolinea l’importanza ecumenico interreligioso di questo anno Santo dicendo:

“la misericordia possiede una valenza che va oltre i confini della Chiesa, perché si relaziona con l’Ebraismo e l’Islam considerata un attributo qualificante di Dio”.

Le date e i numeri da ricordare nel Giubileo della Misericordia sarebbero tantissime ne ricordiamo alcune:

8 dicembre 2015 – il grande giorno comincia alle 6.00 del mattino con l’apertura dei varchi alla basilica di San Pietro. Il Giubileo Straordinario della Misericordia inizia con l’apertura della Porta Santa della basilica di San Pietro.

13 dicembre 2015 – Papa Francesco apre la Porta santa di San Giovanni in Laterano. Il pomeriggio dello stesso giorno apre la porta santa di San Paolo Fuori dalle Mura e delle cattedrali in tutto il mondo.

27 dicembre 2015 – Giubileo della famiglia, la famiglia intesa come luogo privilegiato del perdono.

1 gennaio 2016 – Giornata mondiale per la Pace con l’apertura della porta santa di Santa della Basilica di Santa Maria Maggiore.

19 gennaio  – Giubileo degli operatori dei Pellegrinaggi, incontro internazionale con operatori, parroci, rettori ed operatori dei Santuari.

17 gennaio – Giubileo del migrante e del rifugiato – La risposta del Vangelo della Misericordia – giornata mondiale del migrante e del rifugiato.

20 maggio 2016 – Catechesi giubilari, dove il tema è stato pregare la Misericordia.

29 maggio 2016 – Giubileo dei diaconi, una celebrazione per le oro mogli ed i loro figli.

6 novembre 2016 – Giubileo dei Carcerati , con un pellegrinaggio giubilare dei detenuti unito ai loro famigliari e personale penitenziario, ed associazioni che offrono assistenza all’interno delle prigioni.

 

Alcune recentissime parole di Papa Francesco riferite al Giubileo straordinario della Misericordia::

Se volete un cuore pieno di amore siate misericordiosi.

La misericordia di Dio verso di noi è legata alla nostra misericordia verso il prossimo.

Il Giubileo della Misericordia, che oggi si conclude, continui a portare tutti i frutti nei cuori e nelle opere dei credenti.

Chiudiamo la Porta Santa, ringraziando Dio per averci concesso questo tempo straordinario di grazia.

Forse la frase più significativa che apre la sguardo verso nuovi orizzonti in questo ultimo giorno dell’anno  della Misericordia è:

Una porta che si chiude ed un cammino che si apre.

 

 

Autore: Franco Collodet

Sociologo e scrittore, studi specialistici in gestione delle politiche sociali. Studi specialistici in Scienze Storico-Antropologiche delle Religioni, professore presso l’Istituto Volterra-Elia di Ancona. Master presso la Scuola Superiore di Filosofia Orientale e Comparativa di Rimini. Esperto dei cammini religiosi in Europa e in Medio Oriente.