18 novembre Dedicazione delle Basiliche di Pietro e Paolo

di Pubblicato in Approfondimenti, News


I cristiani in questo giorno celebrano la consacrazione delle loro chiese, come l’anniversario della dedicazione del tempio di Gerusalemme era giorno solenne gli Ebrei.

La Confessione o tomba di S. Pietro fu uno dei luoghi sacri che gli Apostoli di Cristo resero celebri e che i cristiani cominciarono a venerare.

La storia ci racconta che l’Apostolo Pietro fu sepolto dopo la morte nello stesso luogo del suo martirio, sul colle vaticano. L’Apostolo Paolo invece fu decapitato alle Acque Salvie, venendo poi adagiato lungo la via Ostiense fuori dalle mura di Roma, come era consuetudine fare un tempo, ed esattamente dove oggi sorge la maestosa basilica sorta in suo onore.

L’Imperatore Costantino, conosciuto come Costantino il Grande, costruì la prima chiesa in Laterano e di seguito ne fece costruire altre sette a Roma e molte altre in tutta la penisola, permettendo la diffusione del cristianesimo. La prima  chiesa situata sul Colle Vaticano è dedicata a san Pietro, la seconda la fece costruire ai margini della via Ostiense, nei pressi del luogo del martirio di S. Paolo dedicandola a Lui.

Con il passare dei secoli la Basilica Vaticana rischiava di crollare, ma  Papa Giulio II, conosciuto come “il Papa guerriero” o “il Papa terribile“, oltre a fondare i Musei Vaticani fece riedificare la Basilica nel 1506, seguendo l’attuale disegno giunto oggi fino a noi, consacrata oltre un secolo dopo nel 1626 da papa Urbano VIII.

Per la costruzione vennero chiamati grandi  artisti dell’epoca come il Bramante, Raffaello, Michelangelo ed il Bernini. All’interno dei suoi altari vennero racchiuse le reliquie di moltissimi Papi e santi, prime fra tutte le reliquie di san Pietro, collocate sotto l’altare della Confessione, sopra il quale esclusivamente il Papa può celebrare la Santa Messa.

Basilica di San Paolo

La ricca basilica di San Paolo situata fuori dalle mura aureliane, costruita dagli imperatori Teodosio e Valentiniano, venne distrutta da un incendio nel 1823 in seguito ad un negligenza di un lattoniere,  riedificata ancora più bella nel suo splendore  da Papa Pio IX nel 1854, venne inaugurata  in occasione del dogma dell’Immacolata con un lunga fila di cardinali e vescovi giunti da tutto lo Stato Pontificio.

Nella tradizione  oggi come un tempo si ricordano gli anniversari della consacrazione di queste due basiliche dedicate agli Apostoli Pietro e Paolo, luoghi di continui pellegrinaggi da parte di migliaia di pellegrini.

Autore: Franco Collodet

Sociologo e scrittore, studi specialistici in gestione delle politiche sociali. Studi specialistici in Scienze Storico-Antropologiche delle Religioni, professore presso l’Istituto Volterra-Elia di Ancona. Master presso la Scuola Superiore di Filosofia Orientale e Comparativa di Rimini. Esperto dei cammini religiosi in Europa e in Medio Oriente.