I 5 Santuari da non perdere nell’Umbria

di Pubblicato in Approfondimenti, Dai santuari, Pellegrinaggi, Percorsi ed itinerari


L’Umbria regione dell’entroterra della Penisola Italica, vive un rapporto molto stretto con la spiritualità, infatti vi nacque San Benedetto da Norcia, che fonderà il movimento monastico, i Monasteri da lui costituiti hanno in qualche modo fatto la storia della religiosità. Arriva secondo, ma non per minore importanza San Francesco d’Assisi, patrono d’Europa. L’opera Francescana coinvolse molti personaggi, tra cui Santa Chiara, fondatrice dell’ordine delle Monache Clarisse e Jacopone da Todi (al secolo Jacopo de Benedictis), poeta particolarmente noto per la preghiera dello stabat mater. Meritano una menzione speciale Santa Rita da Cascia e il Santo degli innamorati, San Valentino da Terni (in passato denominata Interamna).

In questo articolo, vi illustriamo i Santuari più importante della Regione:

 

Santuario Basilica Papale e Sacro Convento di San Francesco di Assisi (PG): Sicuramente si tratta di uno dei Santuari più importanti per il mondo Cattolico, costruito nel 1228, la prima pietra venne posta da Papa Gregorio IX il giorno successivo alla santificazione di Francesco, mentre la consacrazione avvenne nel maggio del 1253 per mano di Papa Innocenzo IV. La Chiesa conobbe il terribile terremoto che scosse l’Umbria e le Marche nel 1997, è ormai noto il video dove si vede crollare gran parte del soffitto, fortunatamente l’opera di ricostruzione e restauro ha riportato la Chiesa allo splendore originario.

Scheda del Santuario

 

Duomo di Orvieto – Cattedrale di Santa Maria Assunta (TR): Splendida costruzione del tardo Duecento, che portò ad un ampliamento dell’area cittadina, vista l’imponenza della struttura. Fu rimaneggiata più volte nel corso dei secoli, per adattarsi ai dettami del Concilio di Trento, al suo interno ospita dei splendidi mosaici rappresentanti la vita di Gesù e della Santissima Vergine, queste opere fanno vivere una vera e propria esperienza spirituale al visitatore.

Scheda del Santuario

 

Santuario di Santa Rita da Cascia (PG): Anche questo Santuario è dedicato ad una figura di tutto rispetto nella religiosità, la donna dimostrò negli anni una forte devozione allo spirito cattolico, dopo la morte del marito e alcune controversie con i parenti di lui, riuscì ad entrare in convento, dove si dedicò con amore alla preghiera e al sostegno di poveri ed ammalati. Ricevette nei mesi di marzo o aprile della prima metà del ‘400 una stimmate sulla fronte, tale frammento di legno proveniva direttamente dalla “corona” che Gesù indossò durante la propria crocifissione. Originariamente il Santuario era all’interno di una piccola Chiesa, ma grazie agli sforzi di Madre Teresa Fasce, iniziò la costruzione di un vero e proprio Santuario, capace di ospitare tutti i fedeli della Santa.

Scheda del Santuario

 

Santuario Basilica San Valentino a Terni (TR): La storia del Santo di Terni è nota, ma potete leggerla al seguente link: //www.vaticano.com/le-origini-della-festa-san-valentino/ . Le spoglie mortali del Santo vennero sepolte dove oggi sorge la Basilica, la costruzione iniziale prese il posto di un antico cimitero pagano, ma lungo i secoli l’edificio ha subito numerose modifiche, rendendolo ciò che oggi possiamo ammirare. All’interno è possibile ammirare la teca che contiene i resti del Santo e a lato è presente un dipinto rappresentante La Madonna che appare al Santo ternano.

Scheda del Santuario

 

Santuario dell’Amore Misericordioso di Collevalenza (PG): Questo Santuario è di recente costruzione (terminato nel 1975 e elevato alla dignità di Basilica Minore nel 1981), è anche noto come Madre Speranza delle Ancelle dell’Amore Misericordioso o Speranza di Gesù Maria Josefa Alhama Valera, la Donna si stabilì con le suore e i Figli dell’Amore Misericordioso nel paese di Collevalenza, nelle vicinanze di Todi, e qui decise la costruzione del Santuario per perpetuare la sua opera di evangelizzazione. La Struttura venne costruita su progetto dell’Architetto spagnolo Julio Lafuente. La modernità del Santuario è visibile sin dall’esterno dove svetta un particolarissimo campanile. Sulla sinistra è possibile ammirare un pozzo che fornisce acqua senza sosta alle vicine piscine e alle fontane.

Scheda del Santuario

 

 

Autore: Andrea Bevilacqua

Nato ad Ancona nel 1990, Diplomato in Ragioneria presso l'Istituto Tecnico Commerciale "Grazioso Benincasa". Grande appassionato di storia, cultura e scrittura.