La camminata silenziosa dei Templari Cattolici d’Italia nei luoghi di San Francesco

di Pubblicato in Dai santuari, Eventi, News, Pellegrinaggi

Nel fine settimana appena trascorso Assisi è stata teatro di numerosi avvenimenti.
Sabato 3 ottobre la Santa Messa nella Basilica inferiore di San Francesco  è stata celebrata dal Santo Padre che, al termine, ha firmato la sua terza enciclica “Fratelli tutti”.

Domenica 4 ottobre la solenne commemorazione liturgica del Patrono d’Italia, a cui hanno partecipato il premier Conte e una rappresentanza del Governo e che ha rinnovato l’annuale tradizione – iniziata nel 1939 – dell’accensione della “Lampada Votiva dei comuni d’Italia” con l’olio offerto dalla regione Marche, si è conclusa lo spettacolare passaggio delle frecce tricolori.

Accanto a questi eventi dalla notevole risonanza mediatica, Assisi ha continuato ad accogliere i numerosi fedeli che qui si recano silenziosamente in raccoglimento, tra questi circa 150 membri dell’associazione dei Templari Cattolici d’Italia in ritiro spirituale.

Dopo lo storico appuntamento in Vaticano del 12 settembre i Templari si sono dati appuntamento il 3 ottobre a Santa Maria degli Angeli per un momento di riflessione e confronto guidato dal Magister dopo il quale hanno iniziato una camminata silenziosa alla volta della Chiesa di San Pietro, conclusasi con la Santa Messa celebrata dal Minister Templi fra Paolo, dell’ordine circestense.


Nella giornata di domenica il ritiro è proseguito con una camminata silenziosa ad Umbertide dove, nell’Abbazia di San Salvatore di Montecorona, si è celebrata la Santa Messa conclusiva.


L’Associazione dei Templari Cattolici d’Italia è presente in 150 diocesi nelle quali contribuisce alla tutela e preservazione del patrimonio culturale e storico, attraverso il presidio dei luoghi sacri abbandonati per i quali riesce, grazie all’attività degli oltre 2500 volontari, a garantire l’apertura ai fedeli almeno per alcuni giorni al mese.


Nella piena adesione ai valori cavallereschi che si propongono di risvegliare e diffondere, i Templari Cattolici d’Italia hanno continuato a svolgere le loro attività anche in questo periodo di emergenza per la pandemia mondiale sempre nella garanzia del rispetto delle normative previste per il contenimento del Covid-19.

I templari cattolici d'italia all'abbazia di montecorona

Autore: Redazione