Ascoli Piceno: pellegrinaggio in Terra Santa

di Pubblicato in Pellegrinaggi


In occasione della Solennità di tutti i Santi, il vescovo di Ascoli Piceno, Monsignor Giovanni d’Ercole, ha impartito cresime alla parrocchia di S. Maria Goretti la mattina e celebrato messa nel pomeriggio al Monastero di S. Onofrio per i defunti dei Clubs Lions cittadini. Ieri, invece, per la Commemorazione di tutti i fedeli defunti, in mattinata ha celebrato messa al Famedio con la partecipazione delle autorità cittadine e nel pomeriggio al cimitero cittadino.

Monsignor  d’Ercole è molto impegnato nel sostenere Papa Francesco (ha voluto una giornata di celebrazione per il Papa questo agosto), così come ha fatto in questo periodo accettando di prolungare oltre il tempo stabilito (la fine di ottobre) la recitazione del Rosario e di concluderlo con l’antifona mariana “Sotto la tua protezione” e con l’invocazione a San Michele Arcangelo, come da richiesta del Sommo Pontefice.

Sono quindi molti gli appuntamenti liturgici di questi giorni, anche perché la comunità religiosa si prepara a un Pellegrinaggio in Terra Santa che partirà dal 5 fino al 12 novembre, che sarà accompagnato e guidato dallo stesso vescovo Giovanni d’Ercole. Il programma di viaggio sarà molto serrato, e dedicato alla visita di quei sacri luoghi, tanto vicini alla religione cristiana.
L’arrivo è previsto il 5 novembre a Tel Aviv, da cui si proseguirà attraverso le pianure di Sharon per giungere a Nazareth, in Galilea. Il 6 novembre si visiterà il monte Tabor, luogo della Trasfigurazione, e si visiterà la città di Sefforis, ai tempi di Gesù, capitale della Galilea, in cui si trovano reperti giudaici e cristiani di immenso valore, mentre nel pomeriggio si visiteranno luoghi di sacro interesse a Nazareth. Il 7 novembre si visiteranno i luoghi legati alla vita pubblica di Gesù nei dintorni del lago di Galilea, con tanto di attraversamento del lago e visita a Cana (città delle famose nozze e del miracolo della tramutazione dell’acqua in vino). L’8 novembre si visiterà Betlemme e i suoi dintorni. L’intera giornata del 9 novembre sarà dedicata alla visita di Gerusalemme, al Muro della Preghiera e alcune chiese e basiliche. Il 10 novembre si visiteranno alcuni luoghi relativi agli ultimi giorni di Gesù in Terra, come il Monte degli Ulivi, la grotta del Padre Nostro, proseguendo il pomeriggio con la grotta dell’arresto, la chiesa della Flagellazione, la Via Dolorosa, la basilica della Resurrezione e il Calvario ed il Santo Sepolcro. La mattina dell’11 novembre, durante la visita al memoriale del Battesimo di Gesù, si terranno anche i rinnovi delle promesse battesimali, e nel pomeriggio si farà una sosta sul Mar Morto. Infine, il 12 novembre si trascorreranno le ultime ore in Terra Santa a San Giovanni d’Acri (Akko, per i locali), per poi ripartire alla volta di Roma.

Come si diceva, una visita imperdibile alla riscoperta dei luoghi toccati da Gesù durante la sua vita, guidati da Monsignor d’Ercole, che non potrà che rinnovare la fede dei pellegrini così fortunati da partecipare.

Autore: Redazione